Le Officine Cinema Teatro Musica

con il sostegno di

Regione Liguria Unione Europea Fondazione De Mari Europa Cinemas

media partner

Savona e Dintorni Libraccio Savona Radio SkyLab

 

di Vincent Lobelle, Sébastien Thiérycon Christian Clavier, Catherine Frot, Sébastien Thiéry - Fra 2017, 85’ 

ven 21 settembre (18.00 - 21.15)
sab 22 settembre (17.30 - 20.30 - 22.30)  
dom 23 settembre (15.30 - 17.30 - 20.30 - 22.30) 
lun 24 settembre (15.30 - 20.30)

Appena tornati a casa i coniugi Prioux scoprono che un certo Patrick si è trasferito nella loro abitazione. Costui non solo sostiene di essere il loro figlio, ma soprattutto di essere tornato per presentargli la sua fidanzata. I Prioux però non hanno mai avuto alcun figlio. Ma allora chi è davvero Patrick? Un bugiardo? Un manipolatore? Oppure sono gli stessi I Prioux che hanno dimenticato di avere un figlio?  

Un figlio all’improvviso è una riflessione sulla diversità e sugli svariati modi che gli individui hanno a disposizione, nella società, per accogliere l’elemento anomalo o estraneo. La gentile Laurence, tormentata dalla sua incapacità di avere figli, sarà diversamente propensa ad accettare Patrick rispetto al marito, preoccupato delle conseguenze e delle responsabilità che ne deriverebbero, ma anche estremamente fermo, deciso per modo di essere, e terrorizzato dall’idea di un cambiamento indotto e così fulmineo. E lo stesso vero-presunto figlio che fa sfoggio di un temperamento nella norma - a dispetto delle sue condizioni fisiche - non sembra poi essere così innocente. Così il film rivela quasi da subito un taglio satirico rivolto contro l’abuso del politically correct, un approccio che sovente scade nel considerare il diverso come vittima “a prescindere da”. Nel suo coraggio, Un figlio all’improvviso trova linfa vitale per costruire la propria struttura di commedia nelle gag indovinate e mai fuori luogo: l’umorismo è di tipo arguto e spesso raffinato, la regia è elegante e sorretta da una formidabile gestione dei tempi, e c’è persino spazio per qualche emozione diversa da quell’ilarità che giunge in grandi dosi. Rimarchevole l’interpretazione di Christian Clavier che, ottimamente supportato dalla moglie Catherine Frot, si rivela ancora una volta uno di quei grandi attori capaci di lasciare un segno nella storia del cinema francese.

 

 

Sito ufficiale italiano 
 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
ArciRaindogsCattivi Maestri Nuovofilmstudio
   © Consorzio Officine Solimano APS Arci - Piazza Rebagliati - 17100 Savona - C.F.92093810098                  • 23 settembre 2018 •