Le Officine Cinema Teatro Musica

con il sostegno di

Regione Liguria Unione Europea Fondazione De Mari Europa Cinemas

media partner

Savona e Dintorni Libraccio Savona Radio SkyLab

   
 
di Richard Eyre, con Emma Thompson, Stanley Tucci, Fionn Whitehead, Ben Chaplin - Gran Bretagna 2017, 105’ 
  
ven 19 ottobre (18.00 - 21.15)
sab 20 ottobre (17.30 - 20.30 - 22.30)
dom 21 ottobre (15.30 - 17.30 - 20.30 - 22.30)
lun 22 ottobre (15.30 - 18.00 - 20.30) 
 
Fiona Maye, eminente giudice dell'Alta Corte britannica, è chiamata a prendere una decisione fondamentale nell’ambito del diritto familiare. Mentre affronta le difficoltà del suo privato, Fiona si ritrova a dover seguire il caso di Adam, un brillante ragazzo che rifiuta di sottoporsi alla trasfusione di sangue che potrebbe salvargli la vita. A tre mesi dal suo diciottesimo compleanno, Adam è per la legge ancora un bambino. La donna sceglie di andare a trovarlo in ospedale, ma non sa che l’incontro si rivelerà decisivo per entrambi…  
 
Richard Eyre sceglie per il suo ritorno alla regia un soggetto tratto dal romanzo “La ballata di Adam Henry” (ed. Einaudi) e adattato per lo schermo dal suo stesso autore - Ian McEwan. Scelta che, da subito, si rivela alquanto azzeccata dal momento che il film mostra una rara eleganza, unita alla capacità di far risaltare le doti di una straordinariamente convincente Emma Thompson. È un’associazione molto semplice quella che mette questo importante e stimato giudice a doversi chiedere quali siano le decisioni più giuste, a doversi interrogare su quanto quel che le accade influenzi la sua idea di giustizia. Il Verdetto però fa in modo che questo dubbio non sia mai in primo piano, non sia mai dichiarato dal giudice Fiona Maye, ma che viva come il grande non detto di una pellicola  che lavora di immagini, recitazione e dialoghi per mettere in secondo piano il dilemma attorno a cui ruotano gli eventi. Tutto il film nasconde il suo vero tema per dargli più forza. Lo sforzo della protagonista è quello di fare la cosa giusta in un caso complicato ma tutto andrà molto più in là del previsto.
È su questo labilissimo crinale che il film rimane sapientemente in equilibrio, preoccupandosi in primo luogo degli esseri umani chiamati in ballo, senza fermarsi sulla superficie di slogan o prese di posizione aprioristiche ma provando a scavare nella profondità degli stati d’animo. Ascoltando le ragioni di chiunque, ma soffermandosi – come ovvio – sull’evoluzione dei due personaggi principali, il giudice e il ragazzino. E di come quel verdetto finirà per mutare le convinzioni di entrambi, in ambiti differenti e con ripercussioni impreviste. 
 
 
 
Sito ufficiale italiano

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
ArciRaindogsCattivi Maestri Nuovofilmstudio
   © Consorzio Officine Solimano APS Arci - Piazza Rebagliati - 17100 Savona - C.F.92093810098                  • 21 ottobre 2018 •