Le Officine Cinema Teatro Musica
◄ Torna indietro

CAN YOU DIG IT? LEFTO + MA NU

 
 

SABATO 26 GENNAIO 2019 ore 22:00
Raindogs House / Jazz:Re:Found / RIVIERA GANG CREW / Rock’n’Roll Robots presentano:
LEFTO (Worldwide FM An international platform for underground music, culture and stories from across the globe) + Ma Nu
Can you dig it…? – Diggin’ Music from the Universe
https://www.youtube.com/watch?v=c5xCuFT18Rs&t=1705s
https://www.youtube.com/watch?v=MQl9NIDUOmI
ingresso 10e con tessera arci
______________
LEFTO
“Prima di lui furono altri poeti a introdurre il concetto, ma fu il senegalese Leopold Sedar Senghor che per primo lo elevò a pensiero universale, confutando la filosofia greca. Nella sua opera del 1945 Chants d’Ombre, negritude diventa per molti anni il tema centrale nella determinazione culturale, il vocabolo aggregante, una calamita verbale che più o meno all’improvviso catalizza le energie della letteratura nera africana e fa esplodere quel senso d’appartenenza al popolo più antico: Sartre la definì come la negazione della negazione del popolo nero. Vent’anni dopo e con parecchia autoironia, un poeta belga mutuò quel termine per spiegare il suo paese, che – esattamente al contrario dei neri – non ha un’identità riconoscibile: il Belgio, dicono, non è francese, non è olandese e neppure tedesco. Al suo interno c’è la cultura fiamminga e quella vallone, si parlano diverse lingue e per queste ragioni e pure per molte altre è difficile incollare il popolo a dei valori buoni per tutti. Fuori dalla poesia e dal ragionamento sociologico, scendendo di qualche gradino, la belgitudine finisce per significare pure quel cielo sempre grigio dal quale scende una pioggia fina che non ti bagna il cappotto ma t’inumidisce il cuore che non vede mai il sole.
Si potrebbe però prendere Lefto e innescare un gigantesco revisionismo artistico perché la sua è un espressione caleidoscopica, perché il suo modo di mettere un disco dietro l’altro è quanto di più coinvolgente ci si possa augurare da un dj, perché il suo è un processo all’inverso, che gira a suo favore le presunte carenze identitarie per costruirsene una ancora più grande, aperta, globale, tale per cui non c’è nero che tenga, non c’è orgoglio impossibile da colmare attraverso la curiosità di un esploratore sonoro così onnivoro, instancabile, devoto.”

Ma Nu
Eclettismo al potere, interpreta e costruisce i suoi dj-set attorno alle sonorità black senza darsi confini, con un touch che è il frutto di un forte diggin’ in giro per negozi, mercatini e magazzini di dischi, vecchi e nuovi. Sonorità funk, hip hop, disco, house & jazz, miscelate con l’utilizzo di 7 pollici. Dj di riferimento nel circuito
sotterraneo ligure e colonna portante di Riviera Gang Crew, da molti anni organizzazione di riferimento nel panorama del clubbing Ligure.
Ma Nu è una figura trasversale, e nella sua scena musicale si è trovato a condividere la consolle con un ampio spettro di importanti artisti assai diversi tra loro… parliamo di personaggi come: Mad Professor, Dj Gruff, Dj Vadim, Carl Craig, Bonobo, Nickodemus, Dj Ralf, Marcell Dettmann, Nicky Siano, Andy Smith (portishead), e aprendo i live di leggende come Lee Fields & The Expressions,
Azymuth o Yasmin Bey aka MOS DEF.. solo per citarne alcuni.
Tutto ciò fa capire il bacino dal quale Ma Nu và a pescare per i suoi set… Eclettismo al potere quindi, con “groove” come parola d’ordine.

 
 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
ArciRaindogsCattivi Maestri Nuovofilmstudio
   © Consorzio Officine Solimano APS Arci - Piazza Rebagliati - 17100 Savona - C.F.92093810098                  • 19 gennaio 2019 •