Le Officine Cinema Teatro Musica
◄ Torna indietro

Pinocchio

 

  • Mercoledì 26 Febbraio 15:30
  • Mercoledì 26 Febbraio 21:15

 
di Matteo Garrone, con Federico Ielapi, Roberto Benigni, Gigi Proietti, Rocco Papaleo - Italia 2019, 125'

mar 25 febbraio 18.00
mer 26 febbraio 15.30 - 21.15

"Pinocchio" torna al cinema in un nuovo adattamento firmato da Matteo Garrone, con Roberto Benigni nei panni di Geppetto e il piccolo Federico Ielapi in quelli del burattino più famoso della storia. Ci sono tutti, i personaggi principali del romanzo di Collodi, nel "Pinocchio" di Garrone: Geppetto e il suo burattino di legno, Lucignolo, Mangiafuoco, la Fata Turchina, il Grillo Parlante, il Gatto e la Volpe, fino all'Omino di burro, il Tonno e la Balena. Perché questo ennesima trasposizione di una delle favole italiane più note nel mondo è enormemente rispettosa dell'originale, come già era stato "Il racconto dei racconti" al testo di Gianbattista Basile. C'è una cura devota nella ricerca delle facce giuste, negli scenari che chiunque abbia letto il libro ha immaginato, nei dettagli dei costumi, del trucco, degli effetti speciali artigianali, utilizzati solo quando narrativamente necessari. In questa cura c'è tutto l'amore e la reverenza che Garrone ha verso il testo di Collodi, il suo perfetto equilibrio nel dosaggio degli elementi narrativi e nella caratterizzazione di personaggi che sono diventati archetipi, verso quell'ingranaggio drammaturgico che vede il percorso di iniziazione alla vita di un burattino che sogna di diventare un bambino (e dunque un uomo). Gli interpreti son perfetti: Benigni trattenuto e straziante (come già il Nino Manfredi del Pinocchio televisivo di Luigi Comencini), il piccolo Federico Ielapi minuto ma tosto, sempre in equilibrio fra intraprendenza e desiderio di appartenere, disobbedienza e lealtà. E poi Massimo Ceccherini e Rocco Papaleo, nati per diventare la Volpe e il Gatto, Gigi Proietti credibilissimo come il burbero Mangiafuoco dallo starnuto facile. Il film è visivamente bellissimo e lascia negli occhi l'incanto della favola in cui si sentono gli scricchiolii del legno, dove gli scivoli del Paese dei Balocchi sono ricavati dalle macchine agricole e Pinocchio smaschera i cattivi salutandoli con un gesto della mano e un tenero (ma risolutivo): "Addio, mascherine!".

 
 

Nuovofilmstudio

  • Mercoledì 26 Febbraio 15:30
  • Mercoledì 26 Febbraio 21:15

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
ArciRaindogsCattivi Maestri Nuovofilmstudio
   © Consorzio Officine Solimano APS Arci - Piazza Rebagliati - 17100 Savona - C.F.92093810098                  • 24 febbraio 2020 •