Le Officine Cinema Teatro Musica
◄ Torna indietro

A GUERRA FINITA, di e con Annapaola Bardeloni, a Genova

 
 

Sabato 16 luglio, ore 21.15
Festival Teatrale dell’Acquedotto
Auditorium di Molassana Piazza Boero (entrata lato Biblioteca I piano)
GENOVA

A GUERRA FINITA
Di e con Annapaola Bardeloni

Giorgio ha 22 anni quando muore a Stramentizzo il 4 maggio 1945. A guerra finita. E' uno studente di medicina e nonostante la sua giovane età ha già tanta vita alle spalle; ma soprattutto ha progetti, sogni, ideali. Come tutti i ragazzi di ieri, di oggi e sicuramente di domani. Quel 4 maggio la Liberazione è alle spalle, ma i nazisti sparano ancora.
Lo fanno anche a Stramentizzo e i sogni, i progetti e gli ideali di Giorgio muoiono con lui. Improvvisamente. Un attimo e tutto finisce. A Stramentizzo Giorgio ci si trova quasi per caso. Deve andare a rifugiarsi in Svizzera, ma ad Ora cambia idea e decide di raggiungere il gruppo di partigiani che operano tra Cavalese e Predazzo.
E' con loro quel 4 maggio, quando, a guerra finita, cade in una delle imboscate delle SS che dopo la resa viaggiano con la bandiera bianca in vista, pronti però a sparare appena vengono fermati. Insieme a lui altre 31 persone. Quasi tutti ragazzi. Una storia come tante quindi. Solo una cosa la rende diversa: Giorgio ha la pelle nera. Quando trovano il suo corpo parlano di una spia americana, poi di un ufficiale medico sud africano, poi ancora di un internato mulatto del lager di Bolzano. Il Comitato di Liberazione nazionale conferma che Giorgio Marincola è cittadino italiano, cresciuto in Italia e studente all'Università di Roma. Giorgio è nato in Somalia, da madre somala e padre italiano quando ancora i figli meticci della colonizzazione, una volta riconosciuti, acquisivano non solo il nome del padre, ma anche la cittadinanza.
La Storia è UNA. Un grande gioco di scatole cinesi dove ad ogni azione corrisponde sempre una reazione. Nulla accade isolato da quel che è accaduto prima, ed è sempre padre di quel che nascerà poi.
Questa è la storia di Giorgio, il partigiano con la pelle nera. Questa è la storia del ragazzo Giorgio raccontata dalla sua balia.
"Ormai tutti a Cavalese ti conoscevano, ormai tutti ti volevano bene, e quando la bara passò in mezzo al popolo silente, mentre nell'aria risuonavano i lenti rintocchi, non un ciglio rimase asciutto. Mi sembrasti sussurrare ancora come il dì della liberazione – noi non moriremo mai".

Spettacolo gratuito. Accesso libero fino a esaurimento posti senza prenotazione.

Informazioni:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , tel. 392 1665196; 349 2984973.
Normativa anti covid: durante la rassegna verrà rispettata la normativa vigente.

 
 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
ArciRaindogsCattivi Maestri Nuovofilmstudio
   © Consorzio Officine Solimano APS Arci - Piazza Rebagliati - 17100 Savona - C.F.92093810098                  • 28 giugno 2022 •